Il mistero della nascita della Pizza Margherita

Home / Silvia's Blog / Il mistero della nascita della Pizza Margherita

Il mistero della nascita della Pizza Margherita

Il mistero della nascita della Pizza Margherita

La pizza margherita è un piatto ricco di storia, preparata per la prima volta a Napoli e divenuta famosa dal 1796. Ma perché è così importante?

L’importanza dei colori

La pizza margherita è un vero e proprio tributo all’Italia, a partire dagli ingredienti utilizzati per la sua realizzazione che riprendono di fatto i colori della nostra bandiera.

Il basilico verde, la mozzarella per il bianco, e il pomodoro per il rosso.

Ma come è nato questo simbolo nazionale?

La leggenda narra che la pizza margherita fu offerta alla Regina d’Italia che visitò la città di Napoli nel 1889 e che anzi, questo piatto,  fu creato appositamente per lei!  Da quel momento il successo della pizza Margherita fu inarrestabile.

Chi la creò?

Sempre secondo la leggenda fu Raffaele Esposito, proprietario della pizzeria Brandi,in via Chiaia (pizzeria che esiste ancora oggi e all’esterno della quale c’è una targa commemorativa sulla nascita della pizza Margherita), a ideare questo delizioso piatto in onore della regina d’Italia Margherita di Savoia ma secondo recenti studi questa storia parrebbe essere un eclatante “falso storico”. Non solo l’origine della pizza margherita sarebbe ben più antica del 1889 ma il nome stesso deriverebbe dall’omonimo fiore e non dalla regina. Fatto sta che per via del successo ottenuto, la ricetta della pizza margherita, iniziò a espandersi, conquistando tutta l’Italia dal Sud al Nord.

La ricetta della Pizza Margherita

L’autentica pizza napoletana si cuoce nel forno a legna e deve essere morbida ed elastica, deve avere un cornicione rialzato, gonfio e senza bruciature e una forma tondeggiante di circa 35 centimetri di diametro.  La ricetta tradizionale per la pizza Margherita è:

  • 1 litro di acqua
  • 50 grammi di sale
  • 3 grammi di lievito
  • 1,7-1,8 di farina tipo 00

Ti è venuta fame? Ti aspettiamo per un trancio?

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.